Entrare in un’auto gelida non è il massimo di questi tempi. Sì, certo, si può attivare l’aria calda e tutto passa, ma quel gelo nelle ossa proprio non ne vuole sapere di abbandonarci per non parlare dell’impatto con il sedile congelato, una vera tortura. Oggi, però, un rimedio c’è, la termocoperta elettrica. Sì, avete capito bene, questi prodotti non si trovano solo ad uso domestico, ma sono disponibili anche outdoor, ad esempio quando ci si sposta in automobile nelle fredde giornate invernali. Ma come funzionano? Semplicissimo, basta attaccarle all’accendisigari dell’auto che fa le veci della presa elettrica, ovviamente si tratta di modelli concepiti per l’automobile, diverse dalle coperte termiche con cui si scalda il letto in casa, anche se la struttura e la funzionalità sono molto simili.

Queste termocoperte hanno l’aspetto di un plaid da indossare mentre si è in macchina, alla guida o sul sedile passeggero, si trovano facilmente in commercio, sia online che nei negozi specializzati, come si può evincere visitando il sito www.miglioritermocoperte.it, inoltre costano il giusto, una termocoperta di questo tipo, infatti, viene a costare mediamente sui 40 euro. Come alcune termocoperte ad uso domestico sono realizzate in soffice pile, che dà la sensazione di una tiepida carezza in tutto il corpo e sono dotate di sensori per la regolazione della temperatura, consentendo di scegliere fra tre gradazioni: leggera, media, alta. Se ne trovano anche di lana, proprio come le classiche coperte termiche che siamo abituati a conoscere, in questo caso sono in grado di trattenere il calore più a lungo in modo naturale e di fungere anche da comodo coprisedile.

Grazie a queste coperte termiche, disponibili in graziose versioni fantasy, sottili e facili da riporre nell’armadio, poco ingombranti e belle per i colori e le decorazioni dai classici quadri ai motivi floreali, gli spostamenti quando fa molto freddo sono molto più confortevoli, spesso può succedere di dover uscire ma fa talmente freddo da ripensarci e stare chiusi al calduccio fra le quattro mura di casa ma ora che c’è questa possibilità si può uscire tranquillamente senza dover per forza dovervi rinunciare per via delle temperature sottozero.