Liberare le memorie dei dispositivi come il computer, gli smartphone, i tablet è essenziale per poterli riportare alla velocità e alla capacità di operatività originale o almeno il più vicino possibile alla versione originale.
Per liberare spazio però, e non voler buttare via nulla, serve avere uno spazio alternativo di archiviazione. Può essere all’interno dello stesso computer oppure in cloud, spazi messi a disposizione di provider ma che si riempiono subito perché i file audio-video e le fotografie sono davvero i file più ingombranti. Spazio riempito il provider passa a chiedervi un pagamento per mettervi a disposizione spazio. E a questo punto vi viene l’idea di archiviare diversamente i vostri file. Lasciarli in cloud vi rende dipendenti dal collegamento in internet ma se questo non è possibile rischiate di non poter usare il vostro archivio. E capite bene che uno spazio così è del tutto inutile o almeno è utile per piccole raccolte condivisibili da più computer

Scegliere è quindi un po’ complicato perché serve avere un po’ di pratica con terminologie e procedure che possono essere del tutto nuove. Non è particolarmente difficile ma è necessario, questo sì! apprendere almeno i rudimenti della materia per poterci destreggiare. Utile allo scopo è quindi la lettura approfondita di questo sito https://hardisketerno.it/ ricco di informazioni dettagliate che vi daranno le coordinate per potervi muovere in modo attento e fare la scelta migliore per voi.

Dunque niente spazi in cloud per non essere vincolati all’accesso in rete dove i file sono inutilizzabili. Soluzione non dionea; ed ecco perciò arrivano in soccorso gli hard disk esterni con la garanzia di uno spazio “nostro” accessibile sempre, rete o non rete, uno spazio gestibile per un archivio che contenga anche file compressi, controllabile dagli antivirus e in alcuni casi anche trasportabile come le chiavette usb che sono diventate un archivio usatissimo. Gli hard disk esterni permettono infatti, una volta archiviati i file, di poterli spostare con un buon grado di facilità e di usarli come una sorta di hard disk secondario.